EnglishFrançaisItalianoEspañol

Empadronamiento a Tenerife: a cosa serve e come farlo

Cos’é il PADRON MUNICIPAL?

Quando 3 anni fa arrivai a Tenerife con mio marito e la piccola Martina, ovviamente ci eravamo organizzati fin nei minimi dettagli: avevamo già trovato la casa che ci aspettava con un regolare contratto di affitto e un professionista di fiducia che ci aveva già preparato tutta la documentazione per fare il NIE che infatti… ottenemmo il giorno dopo il nostro arrivo.

famiglia felice Empadronamiento

Una meraviglia, perlomeno fino a quando lo stesso professionista ci disse che dovevamo andare a fare l’Empadronamiento e che era una cosa talmente semplice che potevamo andare in comune a farlo da soli.

uffici Empadronamiento

Cosí, armati di tutta la fiducia del mondo e con una conoscenza dello Spagnolo che andava poco più in là dell’HOLÁ e del BUENOS DIAS, ci presentammo in comune e…. dovemmo tornarci altre 3 volte perché una volta ci mancava un documento, un’altra risultò che il contratto di affitto non conteneva tutte le indicazioni richieste e la terza… che non bastava che Martina ci chiamasse mamma e papà per certificare che eravamo i genitori. Alla fine ne venemmo a capo ma… quanto tempo buttato via per niente!
Da allora ne é passata di acqua sotto i ponti e adesso che per motivi di lavoro vengo a contatto con molti clienti che comprano casa per  trasferirsi a vivere a Tenerife e che devono ottenere la documentazione per regolarizzare la loro posizione, vedo che quando gli dico “Adesso devi fare l’Empadronamiento a Tenerife” cominciano a brancolare nel buio e si preoccupano inmediatamente davanti a questa parola misteriosa.

In realtà l’Empadronamiento (o “Padron Municipal”) è solo il registro amministrativo in cui si trovano elencati tutti i residenti di quel comune o tradotto in parole povere…  è il documento che attesta dove abiti. 

Ma é un documento che devono fare tutti?Anche chi non rimane qui tutto l’anno?…. e a cosa serve? É obbligatorio? Come si fa a farlo? Quanto costa? Quanto ci vuole per ottenerlo? Siccome mi capita spesso di sentire storie di persone che hanno pagato 50 o anche 100 euro per ottenere un documento che costa 3 euro e che se si sa cosa fare (sottolineo… SE SI SA COSA FARE…) é semplicissimo da ottenere… oggi rispondo a tutte queste domande  e ti spiegherò la procedura passo a passo e a prova di errore.

Certo… se vuoi sei libero anche tu, come me, di tornare 3-4 volte in comune per ottenerlo ma se ti puó interessare farlo velocemente e senza problemi…

 

documenti Empadronamiento

Cominciamo subito col dire che l’Empadronamiento NON ti serve se vieni qui solo come turista anche se ti fermi qualche mese, non ti serve se compri una casa come investimento e neppure per aprire un conto in banca anche se ovviamente le condizioni economiche per chi é empadronato sono molto migliori che per chi non é residente. Se peró decidi di trasferirti a Tenerife per viverci, allora secondo la legge Spagnola, impadronarti nel comune dove decidi di risiedere abitualmente, è un tuo diritto ma è anche un  tuo dovere. L’Empadronamiento è una certificazione che attesta il tempo di permanenza nel territorio Spagnolo e questo a prescindere dalla tua nazionalità di appartenenza o dal tuo status giuridico. Una volta ottenuto l’Empadronamiento devi richiederne un certificato (che si chiama “Volante de Empadronamiento” ed é il documento che attesta ufficialmente l’avvenuta iscrizione al registro dei residenti di quel municipio.Questo certificato potrà servire per: rinnovare un giorno il Nie verde, registrare a scuola i tuoi figli, rinnovare il passaporto, rinnovare la patente, immatricolare un’auto, per iscriverti al Registro civile in caso di matrimoni, separazioni, adozioni, etc, per richiedere un indennità di disoccupazione (Paro o Ayuda), per ricevere contributi dai servizi sociali o scolastici e anche per avere diritto allo sconto del 75% sui viaggi all’interno del territorio Spagnolo. A proposito di quest’ultimo, attenzione però a richiederlo solo quando ti è necessario perchè scade dopo solo 3 mesi e se ne avrai di nuovo necessità dovrai ottenerne un’altro nuovo. Te lo dico solo perchè spesso la coda negli uffici è abbastanza lunga mentre la spesa è di solo 3 euro! Come vedi l’Empadronamiento ti permette di accedere a moltissimi servizi e vantaggi riservati a noi residenti (tra cui non ho nominato tutti gli sconti di cui godiamo nei cinema, parchi divertimenti, musei e via dicendo) e quindi prima lo farai e meglio sará.

Ma… dove si fa l’Empadronamiento? e soprattutto… come si fa ad ottenerlo? Che documenti bisogna portare?

comune Empadronamiento

É piú facile di quello che pensi e cominciamo da dove dei andare. Ogni comune (che qui in Spagna ricordati che si chiama “Ayuntamiento”) ha un ufficio S.A.C. (che è l’acronimo di Servicio de Atencion al Ciudadano) preposto per questa e altre innumerevoli pratiche. Devo purtroppo dirti che qui a Tenerife esistono circa 30 comuni differenti e ognuno ha un sistema differente di lavoro. Cosí, per esempio, nel comune di Adeje ti basterá presentarti al Sac tra le 8 e le 12 con tutta la documentazione e in 10-20 minuti ti troverai davanti ad un impiegato che ti empadronerá in un batter d’occhi; ad Arona invece, dovrai prendere appuntamento online collegandoti alla pagina per la CITA PREVIA (che significa APPUNTAMENTO PREVIO) e scegliendoti il giorno e orario che preferisci. In questo caso il vantaggio sará che ti riceveranno appena arrivi e impiegherai 5 minuti per fare tutto.  Facile vero? Beh… sarebbe facile se non fossimo italiani e siccome siamo bravissimi a complicare anche quello che é semplicissimo, permettimi di darti un piccolo consiglio per evitarti situazioni che hanno bloccato pratiche ormai quasi completate!

Per favore: davanti all’impiegata limitati a dire “Empadronamiento” e inmediatamente assumi un’espressione sorridente e beota alla Stevie Wonder e impegnati per avere la stessa loquacità di un film muto.

Il massimo che ti deve uscire dalle labbra fai che siano “Sí” e “No”!
Mentre ero lì con altri clienti non sai quante volte mi è capitato di sentire italiani agli sportelli a fianco che, probabilmente credendo di essere in una sala da te, avevano ritenuto saggio parlare di alcuni dubbi che avevano relativamente ad altre problematiche e…. come per magia all’impiegata veniva in mente che allora la cosa poteva essere molto più complicata e bloccava la pratica in attesa di accertamenti da Madrid!

Sei a uno sportello per fare un documento, non all’ufficio informazioni del Luna Park rionale! Limitati a quello che devi fare e casomai torna in un altro momento per avere chiarimenti! Detto questo passiamo alla documentazione e qui si apre una parentesi interessante che riguarda tutta la cattiva informazione che circola per Internet e in cui ti incitano a fare tutto da solo e a non chiedere consiglio a nessun professionista perché l’Empadronamiento a Tenerife è semplicissimo. E’ vero?… Assolutamente sì!
Come hai appena letto, il processo di iscrizione al Padron Municipal è di una semplicità sconcertante e lo potresti ottenere in pochi minuti se non fosse che…la documentazione da allegare deve rispondere a certi requisiti e contenere certe informazioni che, se non ne sei informato, ti porteranno a rifare la fila 2-3-4 volte in più giorni…o settimane a seconda delle circostanze. Ma vediamo nel dettaglio che documentazione dovete portare e…dove risiedono gli inghippi!

sportello per Empadronamiento

Per fare l’Empadronamiento devi presentatevi all’ufficio preposto con questi documenti:
1. Contratto d’affitto firmato + copia a colori dello stesso
2. Due ricevute di pagamento affitto pagate
3. Documento d’identità in originale + copia a colori
4. NIE bianco in originale + copia a colori dello stesso
5. Il bancomat per pagare ma anche qualche euro… possibilmente in moneta

Sembrerebbe tutto molto lineare ma vediamo punto per punto quali possono essere le problematiche a cui ti potresti affrontare se le cose non sono state fatte nella maniera corretta..

Punto 1: Il contratto di affitto. Ovviamente se hai affittato casa tramite qualche faccendiere dell’isola che ti ha fatto un prezzo incredibile però “se te lo chiedono di che sei solo un amico” e se ha già bussato alla tua porta un signore furioso che  ti ha detto di essere il vero proprietario…il resto dell’articolo puoi anche saltarlo perchè per te fare l’Empadronamiento sarà semplice come risolvere il “problema di Brochard”…. non hai capito di cosa parlo? Non ti preoccupare, dal 1876 a oggi non lo hanno capito neanche i matematici di tutto il mondo! Se invece ritieni di avere un regolare contratto d’affitto, fai attenzione alle prossime informazioni che se non riportate correttamente sul contratto ti costringerebbero a farne uno nuovo e rifarlo firmare…ammesso che il proprietario non abiti dall’altra parte dell’isola e non possa tornare per qualche settimana. Prima di tutto, quando fai il contratto d’affitto, se per esempio siete una coppia, fai inserire i nomi di entrambi nel contratto e se en hai…anche di eventuali figli.  Nel caso ci fosse solo un nominativo potrebbero richiederti un Certificato di Matrimonio in formato internazionale o magari un Certificato di Convivenza rilasciato dall’Ayuntamento o uno stato di famiglia in formato internazionale… insomma… mi hai capito… un casino da cui non ne tirerai piú fuori i piedi! Importante anche che il contratto riporti tutti i dati fiscali del proprietario e tutte le informazioni relative all’identificazione comunale e catastrale dell’appartamento. Infatti… I software degli uffici sono stati aggiornati e sono collegati al catasto e se una volta bastava dare indirizzo e numero dell’appartamento, adesso è necessario inserire anche tutte le varie distinzioni della residenza (Blocco, scala, piano, etc…) e sopratutto il numero di referenza catastrale attribuito al tuo appartamento. Il contratto va firmato in tutte le pagine e con biro che siano evidentemente blu perchè la penna nera non è permessa visto che potrebbe scambiarsi per una fotocopia invece che l’originale e non dimenticarti la copia del contratto da lasciare all’impiegata: teoricamente le fanno loro ma certe volte non funzionava lo scanner e senza copia….non si fa niente e si torna a casa.

Punto 2. Alla firma del contratto d’affitto, accordati col proprietario per pagare anticipate le prime due mensilità e fatti rilasciare le relative ricevute. Per Empadronarsi ti servono obbligatoriamente le ricevute di due mensilità e anche queste devono riportare in maniera chiara i dati anagrafici del proprietario, il numero della sua carta d’identità (e Nie se non è spagnolo) e il periodo esatto a cui si riferiscono i due pagamenti (Esempio: Marzo e Aprile 2020). Se non ci sono questi dati… fai come al Monopoli…e riparti dal “Via”!

Punto 3. Sulla Carta d’identitá una sola raccomandazione: verifica che non sia scaduta. Lo so, sembra di dire una sciocchezza ma indovina a chi é successo? Esatto… proprio a me e per fortuna che mi ero portata il passaporto che invece era valido altrimenti non avrei fatto niente!

Punto 4. Il Nie Bianco. Per empadronarti molti comuni lo richiedono come documentazione obbligatoria e quindi nell’organizzazione della tua agenda ricordati che… PRIMA si fa il Nie Bianco e POI l’Empadronamiento

Ultimo punto... il bancomat. I pagamenti si fanno sempre per via elettronica ma anche qui… l’imprevisto ci mette spesso lo zampino e magari quella mattina il lettore non funziona. Il mio consiglio é di portarti con te 3 euro in moneta per ogni empadronamiento che devi fare e per favore… che siano 3 euro in moneta e non una banconota da 100 perché se no, oltre all’Empadronamiento ti farai anche una notevole cultura sulle parolacce in spagnolo.
Una volta che ti sarai Empadronato, ricordati di richiedere un certificato dell’avvenuta registrazione (che ti ricordo che si chiama “Volante de Empadronamiento”) perché ti verrá richiesto dalla banca se vorrai aprire un conto, dalla scuola se vorrai iscrivere i bambini e… insomma… da qualunque ufficio in cui tu debba fare una pratica.
Come vedi, come tutte le cose di questa vita, le cose sono semplicissime se si sa come farle e se seguirai tutti i miei consigli non avrai nessun problema a fare l’empadronamiento a Tenerife in pochi minuti e spendendo solo 3 euro
Spero che questo articolo  possa semplificarti la vita nei tuoi primi giorni di vita su questa meravigliosa isola e se ritieni che ti abbia spiegato bene le cose magari potresti condividere questo articolo con altre persone che potrebbero essere interessate a queste informazioni.

Puoi anche guardare la versione video qui.

se avessi bisogno anche tu di un professionista per il tuo NIE bianco qui trovi il nostro servizio.

Ah, ovviamente se ancora non l’hai fatto…seguici sul nostro canale You Tube!
Bienvenido en Tenerife!

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Telegram
Email
Pinterest

Potrebbe interessarti

Partecipa alla discussione

Un pensiero su “Empadronamiento a Tenerife: a cosa serve e come farlo”

  • Giusy

    Posso iniziare la pratica per trasferire la pensione in prospettiva di vivere 6 /7 mesi a tenerife e il resto in Italia?

    Reply

Compare listings

Confrontare