EnglishFrançaisItalianoEspañol
trattativa immobiliare

Comprare casa a Tenerife: l’ABC della trattativa immobiliare – Parte 2

Nel precedente articolo sulla trattativa immobiliare abbiamo parlato di come pianificare correttamente la ricerca di una casa a Tenerife e di che attitudine adottare durante la prima visita.

Ma é nella seconda visita che dobbiamo giocare le nostre migliori carte per ottenere tutte quelle informazioni indispensabili a intavolare una trattativa immobiliare costruttiva e poter fare un’offerta che risulti vincente, economicamente vantaggiosa e che sia di completa soddisfazione per entrambi le parti.

Questo é il momento piú importante perché hai la possibilitá di comprare la casa che stavi cercando e di spuntare un ottimo prezzo… ti sará sufficiente seguire i consigli e le strategie che condivideró con te! 😉

In un processo di acquisto di una casa a Tenerife, la seconda visita é quello che definisco il momento BRRRRR!

Quello che dà i brividi di emozione perché sei a un passo dal decidere di procedere a un’offerta, ma se con la pianificazione e la prima visita hai posto delle buone fondamenta, é adesso che devi costruire il successo della trattativa immobiliare e allora… andiamo a vedere cosa fare, come farlo e perché.

Per essere sicuri che la tua offerta vada in porto!

 

 

Trattativa immobiliare: 6 strategie vincenti

 1. ANALISI DETTAGLIATA DELLA CASA 
É in questo momento che come Personal Shopper mi faccio sempre accompagnare da un professionista edile perché é il momento di osservare i minimi dettagli e di verificare lo stato delle pareti, dell’imbiancatura, che tipo di caldaia sia installata, eventuali tracce di umiditá, l’integritá di suolo e mattonelle e lo stato di conservazione, la tenuta degli infissi e via dicendo.

Se ravvisassi la necessitá di qualche lavoretto e con una stima indicativa della spesa che dovrai affrontare, avrai un argomento con cui negoziare un prezzo migliore.

 

 2. INFORMATI SUL PERCHÉ SI VENDE LA CASA 
Devi essere sottile e delicato perché dovrai cercare di entrare in quella che a tutti gli effetti é la sfera privata e personale del venditore.

Potresti cominciare complimentandoti per la zona in cui é ubicato l’appartamento e chiedendo come si sono trovati i proprietari a vivere lí: ascoltali attentamente come giá ti ho spiegato nel primo video e poi prosegui domandando se rimarranno a vivere nelle vicinanze, o come mai hanno deciso di cambiare zona, perché hanno fatto certe riforme eccetera.

Conoscere la storia della casa e dei proprietari ti aiuterá a calibrare meglio la tua offerte.

Per esempio potresti scoprire che hanno intenzione di comprare una finca di cui si sono innamorati e che aspettano solo di vendere la loro casa per procedere e fare a loro volta un’offerta.

Questa informazione vale ORO!!
E ti puó permettere di fare un’offerta che sia vantaggiosa per te e che risolva il problema dei venditori.

Ricordati che in una trattativa il denaro é quasi sempre l’ultimo dei problemi, prima di tutto viene la risoluzione del motivo della vendita e l’empatia col compratore.

 

 3. CAMMINA SULLE UOVA 
Il punto 2 di cui ti ho appena parlato é molto delicato perché potresti scoprire che la casa é un’ereditá di un familiare caro appena deceduto, o la cui vendita si é resa necessaria per via di un divorzio.

Ti trovi davanti a una magnifica occasione di poter rappresentare la piú veloce soluzione di queste problematiche e devi essere pronto a fare un offerta in questo preciso momento, ma con molto tatto e sempre con molta empatia per la storia personale.

Se sono io a condurre la trattativa immobiliare cerco sempre di dire qualcosa tipo:

Sa, capisco che vi farebbe piacere non dover aspettare mesi per vendere questa casa e il mio cliente é veramente interessato in questa proprietá e ha i soldi pronti per chiudere subito l’acquisto. Puó versare immediatamente oggi il 10% del prezzo finale e vorrebbe firmare dal notaio in non piú di 30 giorni… ma puó arrivare solo fino all’85% del prezzo.

SOLDI IN MANO e, in questo caso, una rapida risoluzione del problema dei venditori

 

trattativa immobiliare

 

 4. DA QUANTO TEMPO É IN VENDITA LA CASA 
Se all’improvviso appare sul mercato una casa che é perfetta per te e che ha un prezzo che rientra nei tuoi calcoli, fissa subito una visita e sii pronto a fare inmediatamente un’offerta.

Ma non pensare di poter chiedere uno sconto superiore al 5% perché arriveranno altre visite e la tentazione che potrebbe avere il proprietario di vendere inmediatamente dev’essere ben bilanciata dalla possibilitá che possa venire un altro cliente e offrirgli il prezzo richiesto.

Se invece la casa é in vendita da diversi mesi, puoi essere certo che il proprietario (ma anche l’eventuale agente incaricato della vendita) sará stanco di visite su visite senza risultati concreti ed é qui che ti si apre una porta grande come una casa per fare un’offerta immediata e vantaggiosa!

Ma NON COMPORTARTI COME UNO SQUALO o la porta si ridurrá a una piccola e stretta fessura.

Sempre con molta empatia, fai notare che é un peccato che una casa con cosí tante potenzialitá non si riesca a vendere e che ti piacerebbe davvero essere tu quello che la compra, che ci si trasferisce a vivere, ma che purtroppo puoi arrivare solo all’85% del prezzo e che capisci che non sia sufficiente…

Osserva bene le reazioni del venditore e se notassi interesse preparati a concludere rapidamente con la firma di un’offerta e denaro sul tavolo!

 

 5. INFORMATI SU QUANDO FU ACQUISTATA LA CASA 
Potrebbe essere stata comprata durante la bolla immobiliare a un prezzo bassissimo e quindi anche uno sconto del 20% sul prezzo attuale di mercato darebbe al proprietario un guadagno enorme!

 

 6. CHIEDI SE HANNO RICEVUTO ALTRE OFFERTE 
É molto probabile che ti mentano e che ti dicano che ne hanno giá ricevute diverse, ma tu gioca di rimessa e chiedi perché le hanno rifiutate.

Senza volere ti daranno indicazioni importanti su come giocare al meglio le tue carte nel momento in cui farai la tua offerta.

 

trattativa immobiliare

 

Ma quali sono le strategie a tua disposizione al momento dell’offerta per concludere un affare vantaggioso?

Quella che certamente giá conosci é la tua possibilitá economica che, laddove la casa sia in vendita da molto o ci sia una certa urgenza o voglia di venderla velocemente, puó giocare a tuo favore e far accettare una tua offerta con uno sconto del 15-20%.

Ma hai altre frecce nel tuo arco che forse… non sapevi di avere! 😉

Come sicuramente saprai, il deposito che viene richiesto al momento della firma dell’Arras o Compromesso di Vendita, é un importo pari al 10% del valore stabilito per la vendita dell’immobile ed é qui che gli investitori piú smaliziati ottengono i migliori risultati semplicemento uscendo dalle consuetudini.

Prendiamo ad esempio una casa in vendita per 150.000 euro e che tu ti proponga al proprietario in questa maniera:

Senta cosa le propongo. Ho appena venduto la mia casa per 150.000 euro e mi hanno dato 50.000 di anticipo alla condizione di poter firmare tra un anno. Le offro 140.000 euro per la sua casa e 50.000 euro subito alla firma del compromesso, ma con la possibilitá di godere intanto dell’usufrutto dell’immobile e di poterlo utilizzare.

Stai chiedendo solo un 7% di sconto e offrendo il 33% di anticipo che il venditore puó incassare inmediatamente.

Se accetta, come usufruttuario, puoi affittare per un anno il tuo appartamento, ricavarne altri 8-10.000 euro e portare cosí lo sconto effettivo sul prezzo finale a 18-20.000 euro.

Oppure, nello stesso caso, mettiti nei panni del proprietario nel momento in cui gli dici che puoi pagare fino a 130.000 euro per la sua casa di cui peró 65.000 subito alla firma del compromesso e l’altra metá alla firma del notaio purché non si vada oltre i 30 giorni, perché dentro quella data devi avere una casa in cui trasferirti!

65.000 euro che gli metti in tasca quel giorno stesso e per te uno sconto di 20.000 euro!

Queste sono maniere intelligenti di usare la tua forza economica e rispettose per il proprietario, ben differente che chiedere uno sconto grosso senza offrire nessun vantaggio in cambio e per di piú trattandolo come un morto di fame… atteggiamento che difficilmente ti attirerá le sue simpatie!

 

trattativa immobiliare

 

Trattativa immobiliare: 5 consigli extra

 1️⃣ PRIMO CONSIGLIO
Fai SEMPRE un offerta, non fare pensare al venditore che ha messo un prezzo troppo basso e fargli cosí venire la tentazione di alzarlo o addirittura di utilizzare la tua offerta per proporlo a un prezzo piú alto a un altro interessato.

 

 2️⃣ SECONDO CONSIGLIO 
Non fare mai un’offerta che sia equivalente al tuo preventivo massimo di spesa o in caso di una trattativa immobiliare anche minima al rialzo, uscirai fuori da quei conti che invece avevi pianificato perfettamente all’inizio.

 

 3️⃣ TERZO CONSIGLIO 
Se decidi di accettare una controfferta del proprietario, piangi almeno un paio di lacrime asserendo che va bene ma che ci arrivi proprio solo per il rotto del collo: lascia chiaro che non ci sono margini per altre richieste di rialzo.

 

 4️⃣ QUARTO CONSIGLIO 
Se accetti una condizione chiedine un’altra a cambio.

Per fare un esempio, se hai offerto 130.000 e te ne chiedono 140.000 per chiudere la trattativa puoi sempre ventilare l’idea che sei disposto ad accettare purché nel prezzo siano compresi i mobili e tutti gli elettrodomestici.

 

 5️⃣ QUINTO CONSIGLIO 
Non pretendere mai che un’agenzia accetti una tua offerta solo verbale senza un deposito a confermare la serietá dei tuoi intenti.

Il mondo immobiliare é pieno di perditempo che non hanno altro da fare che andare a visitare case, fare offerte e poi sparire. Se l’offerta viene rifiutata il tuo denaro ti sará restituito integralmente e quindi se vuoi essere preso sul serio… sii serio! 😉

Per ultimo quello che non ti aspetti…

 

trattativa immobiliare

 

 6️⃣ SESTO CONSIGLIO 
Alle volte gli affari sono veri affari e se per caso ti capita di trovare la casa perfetta per te e persino a un prezzo inferiore a quello che avevi previsto… non essere avido e per tagliare le gambe a qualsiasi altra proposta… offri qualche migliaio di euro extra e chiudi inmediatamente la trattativa immobiliare.

Alle volte vale davvero la pena perché la casa, a paritá di offerta, potrebbe prendertela qualcuno che é riuscito ad essere piú empatico di te.

 

Adesso conosci tutte le strategie che come Personal Shopper utilizzo per fare ottenere ai miei clienti il miglior prezzo possibile per la casa che mi incaricano di cercare e posso dirti che servono anni di esperienza per saper gestire una trattativa immobiliare in tutte le sue fasi.

Ma se comunque decidessi di fare da solo spero che qualcuno di questi miei suggerimenti ti aiuti a risparmiare moltissime migliaia di euro o che nel frattempo ti abbia convinto a… iscriverti al nostro canale YouTube per non perdere i contenuti molto interessanti che stiamo preparando, attivando anche la campanella per non perderti i prossimi video!

Sei invace hai altre domande sulla trattativa immobiliare, puoi sempre contattare Casa Ahora inviando una email a info@casaahora.es

 

 

 

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on telegram
Telegram
Share on email
Email
Share on pinterest
Pinterest

Potrebbe interessarti

Únete a la discusión

Categorie

Contatto
Seguici
ALTRI ARTICOLI

Cerca la tua Casa

Comparar listados

Comparar